27
Lug

Un nuovo libro di Lorenzo Bove che parla di cibo in terra di Capitanata e nel Gargano, tra storia, popolo e territorio

 

Sabato 4 agosto 2018, alle ore 20,00, a Poggio Imperiale (Foggia), presso la Sala Polifunzionale della via Vittorio Veneto n.50, si terrà la presentazione del nuovo libro di Lorenzo Bove da titolo: “IL CIBO  in terra di Capitanata e nel Gargano, tra storia, popolo e territorio – Tarranòve, pane e pemmedòre e arija bbòne”, Edizioni del Poggio.

<< I profumi e gli odori del cibo che ci hanno pervasi nel periodo della nostra infanzia, penetrando nelle narici e stimolando straordinari (e a volte anche inappagati) appetiti, sono indelebilmente stampati nel nostro cervello e basta solo percepirne lievi sentori per associare eventi, fatti, situazioni di un tempo lontano, che fa parte ormai di sopite reminiscenze.

L’Anno del Cibo Italiano, indetto dal nostro Governo per il 2018, ha offerto all’autore lo spunto per rievocare le tradizioni popolari legate al cibo della Capitanata e del Gargano, l’antica Daunia, partendo da Tarranòve, il suo paesello di origine, tra storia, popolo e territorio.

Un vecchio detto paesano di Poggio Imperiale, Tarranòve in vernacolo, recitava: “Tarranòve, pane e pemmedòre e arija bbòne”.

Un invito a prendere le cose per il giusto verso e senza eccessivo affanno. E, in effetti, quel detto voleva proprio invitare alla distensione e alla serenità che solo un piccolo borgo sviluppatosi alla sommità di una collinetta (poggio) immersa in una vegetazione lussureggiante poteva offrire. In terra di Capitanata ai piedi del Gargano del quale si vanta di costituire la porta naturale >>.

Musica e canti della tradizione popolare allieteranno la serata, nel mentre la Compagnia Teatrale Terranovese si esibirà in una breve Farsa dialettale scritta dal medesimo autore del libro, dal titolo: ‘Dind’a ‘na cas’a tarnuèse’.

Lorenzo Bove, scrittore, blogger, appassionato di tradizioni e storia locale, ha sempre mantenuto uno stretto legame con la sua terra nativa, valorizzandone peraltro il dialetto e, nel 2008, ha scritto  “Ddummànne a l’acquarúle se l’acqu’è fréscijche – Detti, motti, proverbi e modi di dire Tarnuíse, per i tipi di Edizioni del Poggio.


Fatal error: Uncaught Exception: 12: REST API is deprecated for versions v2.1 and higher (12) thrown in /web/htdocs/www.paginedipoggio.com/home/wordpress/wp-content/plugins/seo-facebook-comments/facebook/base_facebook.php on line 1273