Category Archives: Blog

10
Apr

Attività, conferenze ed eventi del Centro Studi Territoriale ‘Simposio Culturale’


Nel mese di ottobre 2018, il Centro Studi Territoriale ‘Simposio Culturale’ di Poggio Imperiale  ha raccolto e pubblicato in un prestigioso volume  le proprie  “Attività Conferenze Eventi (dal 29 gennaio 2015 al 24 maggio 2018) Volume I”, a cura di Antonietta Zangardi  e per i tipi delle Edizioni del Poggio.

Nei giorni scorsi, presente a Poggio Imperiale con mia moglie per il periodo pasquale, ho ricevuto dalla cara amica Antonietta il gradito omaggio di una copia del libro con dedica: “A Elvira e Lorenzo con profonda stima … Antonietta e Tonino 30.03.2019”, che ho letto con vivo interesse.

Si tratta della prima raccolta organica degli  atti delle conferenze tenute finora dal suddetto sodalizio; quattro anni di impegno, di ricerche e di analisi, sintetizzati in specifici argomenti che hanno di volta in volta formato l’oggetto della trattazione di  ben 12 conferenze (10 delle quali tenute a Poggio Imperiale e 2 ad Apricena in collaborazione con il locale Centro Culturale), alla presenza di un folto pubblico che ha dimostrato in tutte le occasioni  di gradire e apprezzare l’interessante e proficua iniziativa culturale.

In ossequio alle motivazioni e alle finalità istituzionali,  riportate alle pagine 370, 371 e 372 del libro, il ‘Simposio Culturale’ ha sviluppato tematiche di straordinario rilievo, sia sotto il profilo dell’interesse generale e sia sotto l’aspetto più attinente alle radici, e dunque al paradigma dell’appartenenza dell’individuo alla propria terra e alle proprie tradizioni.

Nel primo filone, assumendosi l’onere (ed anche il rischio) di affrontare argomenti di grande portata, come l’importanza del libro e il piacere di leggere; la Grande Guerra, in occasione del centenario della sua ricorrenza; la vita e le opere del sommo Poeta Dante Alighieri; la Poesia che vince il tempo e rende immortali; la donna, qual mirabile creatura, ma anche: un dono o un danno?; il ‘Puer Apuliae’ ovvero  lo‘Stupor Mundi’, proponendo un processo storico a Federico II di Svevia.

Nel secondo, cercando di scoprire chi eravamo, gli albori della nostra storia, anche nell’occasione del bicentenario dell’autonomia amministrativa del comune di Poggio Imperiale, con un occhio attento ai nostri beni culturali, materiali e immateriali, da cautelare.  E l’ultima conferenza  del 24 maggio 2018 ha riguardato ‘ricorrenze, ideali, aspettative’, approfondendo concetti di pace, libertà, coraggio, ideali e progetti dei ragazzi del 1899 e dei giovani del 1999.

Questa la gamma completa degli eventi:

  1. L’importanza del libro e il piacere del leggere
  2. Chi eravamo. Gli albori della nostra storia
  3. Centenario della Grande Guerra
  4. Dante: 750 … e non sentirli
  5. Bicentenario autonomia amministrativa comune Poggio Imperiale (FG) 1816-2016
  6. Le donne: un dono o un danno?
  7. I beni culturali: ricchezze da cautelare
  8. Il sommo Poeta Dante Alighieri (conferenza tenuta ad Apricena in collaborazione con il locale Centro Culturale)
  9. La Poesia vince il tempo e rende immortali
  10. Le donne mirabili creature (conferenza tenuta ad Apricena in collaborazione con il locale Centro Culturale)
  11. Processo storico a Federico II di Svevia
  12. 2018: Ricorrenze – Ideali – Aspettative

Un lavoro certosino che fotografa e riporta, nei minimi particolari e per ogni evento culturale celebrato, il testo degli interventi dei  singoli relatori, le conclusioni e la bibliografia di riferimento.

Un lavoro encomiabile eseguito in equipe da un nutrito gruppo di giovani ricercatori, donne in maggioranza,  egregiamente coordinati da Antonietta Zangardi e suo marito Antonio Giacò.

Un lavoro di grande contributo sotto il profilo storico – culturale, poiché in grado di trasmettere  ai posteri, soprattutto alle giovani generazioni, tutta una serie di informazioni non semplicemente tratte dai testi, trattati, enciclopedie e, all’occorrenza, pure da Wikipedia, ma frutto di analisi di ricerche e di studi comparati, condotti con particolare saggezza e moderazione da un affiatato e motivato gruppo di lavoro; molto apprezzabili sono le interviste e i processi virtuali ai vari personaggi.

Un libro interessante, ben strutturato e di facile lettura, che offre l’opportunità di fare piacevoli incontri con personaggi della storia, della cultura e del nostro più recente passato terranovese; un piacevole salto all’indietro nel tempo per scoprire o magari solo per approfondire argomenti, fatti o vicende che, personalmente, ritengo abbastanza coinvolgenti.

Al Centro Studi Territoriale ‘Simposio Culturale’, ai relatori delle conferenze e ai tenaci coordinatori, un caloroso ringraziamento per la lodevole iniziativa ed il lavoro fin qui portato avanti, con l’auspicio di traguardi sempre più ambiziosi in nome della  cultura e della sua imprescindibile divulgazione.

8
Mar

Oggi 8 marzo, la Festa della Donna


Grandi passi sono stati fatti in tema di parità di diritti e doveri tra uomini e donne, ma ancora oggi persistono retaggi duri a morire e comportamenti riprovevoli che non possono più essere tollerati,  in una civiltà evoluta come la nostra.

Ma, come diceva il saggio, mai perdere la speranza!

Veniamo da una civiltà fondata su concetti di … pater familiasmanusdominio dell’uomo sulla donna … sottopostaprima al padre e poi al marito, in cui imperava il cosiddetto “delitto d’onore”

Quanto tempo è passato! Anni luce.

Eppure, oggi si (ri)parla di “tempesta emotiva” determinata dalla gelosia, che ha reso possibile l’attenuazione della responsabilità di un uomo che ha ucciso la donna con la quale aveva una relazione (e che ha strangolato a mani nude). La sentenza della Corte di Assisse di Appello di Bologna, dei giorni scorsi, che dimezza la pena di 30 anni inflitta in primo grado, portandola a 16, fa quantomeno discutere.

Confidiamo in un sereno, equilibrato e illuminato giudizio della Corte di Cassazione, in ultima istanza.

Ma oggi si parla anche di “grave turbamento”, che può giustificare la legittima difesa, mettendo in seria discussione principi consolidati, con il rischio di ingenerare confusione, caos, scompiglio e … falsi miti, che con le bufale e le fake news vanno tranquillamente a braccetto.

E, non ultimo, viene proposto di attivare un circolo viruoso di entrate tributarie, attraverso la tassazione degli introiti delle operatrici/operatori sessuali, legalizzando di fatto il divieto di favoreggiamento e di sfruttamento della prostituzione, sanciti dalla tanto deprecata legge Merlin.

In che direzione stiamo andando? Giusto un secolo fa, un certo clima di confusione, caos, scompiglio e … falsi miti, ci ha regalato un “ventennio” del quale sicuramente possiamo fare a meno.

La cronaca è densa di fatti e fenomeni che destano sgomento in quella fascia della popolazione sana, che vive il disagio dei nostri giorni, percependo peraltro un’ondata di odio e di paura al tempo stesso, che tende a prendere sempre più forza.

Gli anticorpi che abbiamo sviluppato negli ultimi cento anni saranno in grado di proteggerci da questa ondata di epidemia galoppante?

La strada è ancora in salita, ma ce la possiamo fare.

Foto di repertorio da Internet
10
Feb

10 febbraio, il “Giorno del Ricordo” delle vittime delle foibe


In occasione dell’anniversario del Giorno del Ricordo di quest’anno, il Capo dello Stato Sergio Mattarella ha ricordato che, mentre il mondo si avviava al “graduale ritorno alla libertà e alla democrazia, un destino di ulteriore sofferenza attendeva gli italiani” nelle zone occupate dalle truppe jugoslave: “Non si trattò di una ritorsione. Non erano fascisti in fuga, erano semplicemente italiani”. E poi ha parlato dell’Unione Europea: “Nacque per dire mai più fanatismi”.

Il Giorno del Ricordo è una solennità civile nazionale italiana, istituita con la legge 30 marzo 2004 n. 92, che viene celebrata il  10 febbraio di ogni anno con l’intento di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e dell’esodo durante la Seconda guerra mondiale e nell’immediato dopoguerra (1943-1945), con particolare riguardo alle persone soppresse e infoibate in Istria, a Fiume, in Dalmazia o nelle province dell’attuale confine orientale, dall’8 settembre 1943 (data dell’annuncio dell’entrata in vigore dell’armistizio di Cassibile), al 10 febbraio 1947 (giorno della firma dei trattati di pace). La data prescelta è il giorno in cui, nel 1947, furono firmati i trattati di pace di Parigi, che assegnavano alla Jugoslavia, l’Istria, il Quarnaro e la maggior parte della Venezia Giulia, in precedenza facenti parte dell’Italia.

Le foibe (e da esse infoibare) sono delle profonde cavità naturali carsiche nelle quali furono gettati molti dei corpi delle vittime; un termine proveniente dal dialetto giuliano e che trova origine nel latino fovea, ovvero fossa o cava.

I massacri delle foibe sono stati degli eccidi ai danni della popolazione della Venezia Giulia e della Dalmazia, avvenuti da parte dei partigiani jugoslavi e dell’OZNA (letteralmente “Dipartimento per la protezione del popolo” dei servizi segreti militari jugoslavi).

Al massacro delle foibe seguì l’esodo giuliano dalmata, ovvero l’emigrazione forzata della maggioranza dei cittadini di etnia e di lingua italiana dalla Venezia Giulia e dalla Dalmazia, territori del Regno d’Italia prima occupati dall’Esercito Popolare di Liberazione della Jugoslavia del maresciallo Josip Broz Tito e successivamente annessi dalla Jugoslavia. Si stima che i giuliani, i fiumani e i dalmati italiani che emigrarono dalle loro terre di origine ammontino a un numero compreso tra le 250.000 e le 350.000 persone.

Per estensione i termini “foibe” e il neologismo “infoibare” sono diventati sinonimi di uccisioni che in realtà furono in massima parte perpetrate in modo diverso: la maggioranza delle vittime morì nei campi di prigionia jugoslavi o durante la deportazione verso di essi. Si stima che le vittime in Venezia Giulia e nella Dalmazia siano state circa 11.000, comprese le salme recuperate e quelle stimate, più i morti nei campi di concentramento jugoslavi.

Io e mia moglie abbiamo avuto modo di visitare la foiba di Basovizza in occasione di alcuni nostri soggiorni a Trieste e dintorni; si tratta di  un inghiottitoio che si trova nella zona nord-est dell’altopiano del Carso a 377 metri di altitudine.

Nel periodo dell’occupazione jugoslava di Trieste in quella foiba fu gettato dai partigiani jugoslavi un numero imprecisato di persone e, a ricordo di tutte le vittime degli eccidi, sul luogo è stato edificato un monumento. Il presidente della Repubblica Italiana Oscar Luigi Scalfaro, nel 1992, ha dichiarato monumento nazionale il pozzo che, in origine, era un pozzo minerario: esso divenne però nel maggio del 1945 un luogo di esecuzioni sommarie per prigionieri, militari, poliziotti e civili, da parte dei partigiani comunisti di Tito, dapprima destinati ai campi d’internamento allestiti in Slovenia e successivamente giustiziati a Basovizza.

Il ritorno (o riunificazione) di Trieste all’Italia avvenne in seguito agli accordi sottoscritti il 5 ottobre 1954 fra i governi  d’Italia, del Regno Unito, degli Stati Uniti d’America e della  Repubblica Federativa Popolare di Jugoslavia con il Memorandum di Londra, concernente lo status del Territorio Libero di Trieste; in particolare si stabiliva il passaggio di amministrazione della Zona A dall’amministrazione militare alleata all’amministrazione civile italiana e quindi passavano all’Italia i seguenti comuni della zona A: Duino, Aurisina, Sgonico, Monrupino, Trieste, Muggia, San Dorlingo della Valle.

Nella zona A erano presenti 5.000 soldati americani della TRUST (Trieste United States Troops) e 5.000 soldati britannici della BETFOR (British Element Trieste FORce). La presa di possesso della zona A avvenne il 26 ottobre 1954 e gli alleati si ritirarono tra il 25 e il 27 ottobre 1954.


Il Friuli Venezia Giulia è stata una delle zone più militarizzate d’Europa, dalla fine della Seconda Guerra Mondiale alla caduta del Muro di Berlino: si calcola che circa tre milioni di persone abbiano svolto il servizio militare in quella regione e che ben 428 fossero i siti militari dislocati  su 102 chilometri quadrati di territorio. Oggigiorno molte di quelle caserme sono in dismissione, dopo oltre mezzo secolo di presenza militare che ha segnato la vita di tanti italiani, anche civili, che hanno vissuto gomito a gomito con l’Esercito, come ristoratori delle trattorie nei pressi delle caserme, i fornai che ricordano come le caserme fossero a volte il pilastro dell’economia di un intero paese, i tabaccai, i postini a portar quintali di lettere. Ma anche la formazione di giovani coppie di innamorati (lui militare meridionale, lei friulana).

Anch’io conservo dei ricordi della mia permanenza a Trieste per servire la patria, come veniva denominato un tempo il servizio militare di leva obbligatorio e, in particolare, ricordo le esercitazioni militari e di tiro che svolgevamo sulle alture di Monrupino, nella zona montuosa di confine con la ex Jugoslavia. Ero dislocato alla Caserma di Polizia “Duca D’Aosta” in via Damiano Chiesa di Trieste, in zona San Giovanni.

E, da quello che è dato sapere, la Seconda guerra mondiale è passata anche dalla Caserma Duca d’Aosta, una ex caserma dell’Esercito divenuta successivamente Scuola di Polizia, lasciando una scia di sangue finita nel dimenticatoio. Ma, dall’ottobre 2012, l’area (di oltre 40.000 mq.) è stata decretata  bene culturale particolarmente importante, ”esemplare testimone di un lungo periodo della storia particolare della nostra città e specialmente di momenti tragicamente drammatici e del dolore di tanti uomini e donne che vi sono transitati o vi hanno perso la vita in modo atroce”, condizione che rende molto difficile, se non addirittura impossibile, dismissioni o altre forme di speculazione edilizia.

Alla fine del XVII secolo,  il sito risultava di proprietà della famiglia patrizia dei de Bonomo, mentre all’inizio del Novecento vi trovarono sviluppo diverse attività industriali come il pastificio Fratelli Girardelli Società Anonima in Trieste, la Fonderia Osvaldella e il colorificio Astra Società per Industria e Commercio a.g.l. con annessa fabbrica del ghiaccio.

Verso la fine del 1928 lo Stato acquistò l’intera area e dopo un intervento edilizio importante inaugurò la caserma intitolandola a Emanuele Filiberto Duca d’Aosta, quale sede del glorioso 34° Reggimento Artiglieria da Campagna,  di cui rimane ancora oggi il prezioso monumento commemorativo che si trova ai bordi del piazzale della caserma.

Nel 1931 il comando venne assunto dal Principe Amedeo di Savoia Duca delle Puglie, figlio di Emanuele Filiberto di Savoia.

A maggio del 1939 il Reggimento assunse la denominazione di 23° Reggimento Artiglieria Sassari e tornò ad essere dal 1940 ancora 34° Reggimento Artiglieria Sassari.

L’8 settembre vide il dissolvimento di tutti gli assetti dello Stato italiano compreso il suo esercito e il 34° ”Sassari”, posto a difesa di Roma, venne sciolto e la caserma immediatamente occupata dalle SS tedesche, che la trasformano in un centro di arruolamento al Lavoro coatto della Todt (1)

Con la resa delle truppe tedesche, il 1° maggio del 1945, l’Armata Jugoslava occupò Trieste e il sito venne subito utilizzato dall’OZNA, la polizia segreta jugoslava, come luogo di prima detenzione, di interrogatorio e di tortura.

Molti civili e militari arrestati vennero portati alla Duca d’Aosta; tanti non fecero più ritorno alle loro case per essere stati avviati ai campi di concentramento prontamente realizzati in territorio sloveno o per essere destinati, attraverso sommarie esecuzioni, alle foibe.

Nel giro di poco tempo si alternarono dunque nazisti prima e armata titina dopo. E dentro sempre triestini vittime ora di uno e ora dell’altro.

Con l’arrivo delle truppe anglo americane la Caserma Duca d’Aosta venne occupata dal 351° Infantry Regiment con i Blu Devils,  gli eroici diavoli blu americani e dal Genio Inglese con il 55° e il 66° Royal Engineers.
Quando il 25 ottobre del 1954 le truppe anglo-americane lasciarono Trieste, riconsegnandola definitivamente all’Italia, gli edifici della Duca d’Aosta vennero destinati al Corpo Guardie di Pubblica Sicurezza.
L’intera struttura dal 10 aprile del 1962, con decreto dell’allora Ministro dell’Interno Paolo Emilio Taviani, si trasformò definitivamente in Scuola Allievi Guardie di Pubblica Sicurezza, prezioso centro formativo nazionale tutt’ora utilizzata per la formazione degli Allievi Agenti della Polizia di Stato.

Nota (1)

Fritz Todt quale Ministro degli armamenti ed approvvigionamenti dell’esercito nazista concepì una organizzazione – chiamata appunto Todt – di lavoro coatto impiegando prigionieri di guerra al fine di realizzare strade e ponti di interesse militare, ma anche opere squisitamente militari. Un esempio di lavoro eseguito fu la famosa linea gotica, ma tantissimo questa impresa fece in Germania e nei paesi occupati impiegando una manovalanza a costo zero che arrivò fino al milione e mezzo di uomini. A Trieste la Todt aveva sede nel palazzo del Museo del Risorgimento che fu del tutto svuotato per fare posto a questa organizzazione tra i cui lavori troviamo anche parte della rete di gallerie nella zona del Tribunale e Scorcola nota come Kleine Berlin

Le notizie sulla caserma Duca D’Aosta, sopra riportate, sono desunte dalle ricerche storiche di Federica Verin, dipendente dell’Istituto di Polizia di Trieste, riportate in “La mia Trieste”  https://www.lamiatrieste.com/2016/07/20/scuola-di-polizia-san-giovanni/

Foto di repertorio da Internet

3
Feb

Corridoi ferroviari europei e No Tav

Si parla tanto di No Tav, che non c’è cittadino italiano (compresi gli stranieri dimoranti nel nostro territorio) rimasto immune da questo continuo martellamento, giusto o non giusto che sia il dissenso alla realizzazione dell’opera, banalizzando forse un po’ anche  le motivazioni iniziali che diedero avvio alle proteste qualche decina di anni fa. Il motto è così prepotentemente entrato nel nostro cervello, quasi come un  grido di battaglia collettivo … e dunque: No, non bisogna farla!  Come è bene invece far colazione con la nutella e mangiare la patatine fritte!

Sembra essere tornati indietro di qualche tempo, quando in Italia si lottava per il famoso ”articolo 18”;  in molti casi i manifestanti intervistati non erano in grado di fornire una spiegazione esauriente e plausibile della specifica rivendicazione.

Così nell’ultimo referendum costituzionale: “Renzi se ne deve andare a casa”; senza entrare minimamente nel merito (sconosciuto?) delle proposte referendarie.

Siamo diventati molto superficiali; ostentiamo fermezza sui nostri propositi senza aver tuttavia approfondito bene le questioni di cui stiamo parlando. Ci lasciamo prendere dalla vulgata collettiva che si forma spesso sui social  e viene spacciata per oro colato, anziché consultare le fonti ufficiali, considerate sempre più menzogne della casta o dei poteri forti.

E’ forse questo il vero cambiamento! Un cambiamento epocale ove occorre fare i conti con una nuova realtà che tende sempre più ad aprirsi ad una partecipazione virtuale e diffusa, attraverso i moderni  sistemi di comunicazione di massa: più like (mi piace) ricevi, più seguito e consenso conquisti, in tutti i campi.

Ma veniamo a noi e al nostro No … Tav (linea ferroviaria per “treni ad alta velocità”).

Innanzitutto occorre premettere che le scelte relative alla realizzazione dei corridoi ferroviari europei sono frutto di analisi e studi di valenza continentale (Europa) e rappresentano la sua spina dorsale, unitamente a quelli stradali e marittimi, al fine di attuare i piani e i programmi di libera circolazione delle persone e delle merci nel mercato interno (europeo e quindi degli stati membri) in connessione con quello esterno ( paesi extraeuropei). Dire, pertanto, sic et simpliciter, che non vogliamo la linea ferroviaria (Tav) Torino – Lione, è pura eresia in quanto significherebbe interrompere un corridoio ferroviario europeo che proviene da ovest (fuori dall’Italia) ed è diretto ad est (fuori dall’Italia), al di là del fatto che sono interventi formalmente condivisi in ambito comunitario, con la previsione della relativa copertura finanziaria.

Come dire, ad esempio, che nella linea ad alta velocità Torino-Milano-Roma-Napoli, la tratta Bologna-Firenze non andava fatta per una serie di ragioni … bla, bla, bla.

Né un’analisi costi-benefici basata su parametri standard può giustificare l’interruzione dell’opera, e ciò in quanto non sono minimamente quantificabili, al momento, gli effetti attrattivi di traffico merci e viaggiatori, il minore impatto ambientale (decongestione traffico su gomma soprattutto dei TIR e minore immissione di CO2), la maggiore sicurezza che le nuove linee ferroviarie comportano rispetto a quelle esistenti e, non ultima, la riduzione dei tempi di percorrenza, che rappresenta una delle esigenze primarie della nostra quotidianità. Mezzo secolo fa non si sarebbe mai investito un centesimo sull’autostrada del sole, che ha invece contribuito a cambiare radicalmente in senso positivo l’Italia. E che dire dei nostri progenitori romani che ebbero l’arguzia di tracciare e realizzare le strade consolari per collegare tra loro le varie località dell’Impero, anche quelle più lontane (Aurelia, Cassia, Flaminia, Salaria, Tiburtina, Casilina, e Appia fino a Brindisi da dove si proseguiva via mare).

Oggi si va in treno da Milano a Roma in 2 ore e 59 minuti, rispetto alle 7 ore di un tempo, nel mentre il TGV attualmente impiega 7 ore e 51 minuti da Milano a Parigi (via Torino – Lione), di cui solo due ore nella tratta francese Lione-Parigi, lunga Km 466, e ben 6 ore per la tratta interessante l’Italia (Milano-Lione via Torino) lunga Km 466. A parità di percorso si impiega un tempo tre volte superiore; evidentemente c’è qualcosa che non funziona proprio sulla Torino-Lione ed in particolar modo sul versante italiano.

Cosa potrebbe accadere nel caso in cui l’Italia decidesse di non onorare l’accordo europeo?

La questione è tutta in salita, nel senso che occorrerà individuare una exit strategy. Sicuramente ci verranno applicate delle penality per inadempimento, con la richiesta di restituzione dei finanziamenti già percepiti. Sotto il profilo delle obbligazioni contrattuali assunte con le attuali imprese appaltatrici, occorrerà accollarsi gli oneri derivanti dalla risoluzione in tronco dei contratti e gestire il problema delle ricadute sociali connesse al licenziamento delle maestranze.

Per il tracciato, sul fronte europeo verranno individuati percorsi alternativi, presumibilmente più a nord, oltre i nostri confini, ricollegandosi poi con il tracciato originario dopo Trieste.

Altro che costi-benefici: buttiamo all’aria un bel po’ di soldi, rinunciando al beneficio di essere attraversati da un corridoio ferroviario europeo così importante, atteso peraltro che parte dei lavori sono stati già realizzati.

Ed anche qui circolano informazioni molto confuse, secondo le quali i lavori non sarebbero mai iniziati. Il gioco delle tre carte mira a far passare il concetto che i chilometri di gallerie sinora realizzate non riguarderebbero la linea ferroviaria vera e propria ma (semplicemente!) dei cunicoli esplorativi. Bene, è proprio così, solo che bisognerebbe approfondire meglio la questione, nel senso che i cosiddetti cunicoli esplorativi sono vere e proprio gallerie (ferroviarie) che vengono scavate prima del tunnel di base (la linea ferroviaria principale) per una funzione geognostica, ossia per conoscere meglio le caratteristiche del terreno e prevedere potenziali problemi di meccanica. E sono delle gallerie ferroviarie interconnesse alla linea principale ed integranti ad essa, come uscite di sicurezza,  elementi essenziali alla sua ventilazione e agli interventi di manutenzione. Non sono quindi dei semplici carotaggi, come qualcuno vuole fare intendere.

Il Commissario straordinario del Governo per la realizzazione dell’asse ferroviario Torino-Lione, Arch. Paolo Foietta (nominato con Decreto 23 aprile 2015 del Presidente della Repubblica), asserisce che a tutt’oggi sono “oltre 26 i chilometri di gallerie già scavate in Italia e in Francia per il tunnel di base della Torino Lione, il 15% del totale. A questi vanno aggiunti oltre 65 km di sondaggi geognostici realizzati per conoscere la geologia della montagna», e che “ in Francia  la fresa avanza ad una media di 15 metri al giorno ed ha già scavato 6 km della canna sud dell’opera definitiva. Quanto già realizzato è una parte fondamentale della galleria finale. In Italia sono stati scavati 7 km a Chiomonte. Tutti i lavori preliminari sono costati 1,5 miliardi di euro pagati solo per il 25% dall’Italia, il resto da Francia (25%, 350 milioni) e Unione Europea (50%, oltre 700 milioni)”. E, questo, per rassicurare quanti “continuano a negare persino l’evidenza, anche per rispetto alle centinaia di servitori dello stato che a Chiomonte sono stati feriti per difendere il cantiere dalla violenza targata NoTav da centri sociali ed anarchici” – conclude l’Arch. Paolo Foietta (cfr. Firenzepost  https://www.firenzepost.it/2018/11/12/tav-torino-lione-di-maio-finora-costruiti-0-km-foietta-venga-a-vedere-i-cantieri/ )

Posso personalmente testimoniare il clima di serie preoccupazioni che ha vissuto il Piemonte e la Val di Susa in particolare nello specifico periodo cui l’Arch. Paolo Foietta fa riferimento e ciò in quanto negli anni dal 1999 al 2008 ho rivestito il ruolo di Dirigente della Direzione Legale di Rfi (Rete Ferroviaria Italiana del Gruppo Ferrovie Italiane dello Stato), in veste di Responsabile della S.O. Legale del Nord Ovest (Lombardia, Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta).

Ho inoltre fatto parte, nel 2008, del  gruppo di lavoro, costituito da esperti  internazionali, delegato a sostenere lo studio concettuale e monitorare le varie fasi di documentazione appalti e lo svolgimento delle pratiche previste per la costruzione della Galleria di Base del Brennero (BBT).

 Approfondimenti

  • Dei nove corridoi core che costituiscono l’asse portante della Trans European Network-Transport (rete TEN-T), definita dal Regolamento Europeo 1315/2013, quattro interessano l’Italia, attraversandola da nord a sud e da ovest ad est: il Baltico-Adriatico, lo Scandinavo-Mediterraneo, il Reno-Alpi, il Mediterraneo.Sui tratti nazionali dei quattro corridoi, RFI, insieme agli altri Gestori dell’infrastruttura europei e con il sostegno finanziario dell’Unione Europea, sviluppa gli investimenti e gli interventi in grado di garantire, entro il 2030, il potenziamento, l’efficientamento e l’adeguamento dell’infrastruttura ai parametri di interoperabilità.

I corridoi core rete TEN-T che interessano l’Italia

Corridoio Baltico – Adriatico: si estende dai porti polacchi di Gdansk e Gdynia e da Szczecin e da Swinoujscie e, passando attraverso la Repubblica Ceca o la Slovacchia e l’Austria orientale, raggiunge il porto sloveno di Capodistria e i porti italiani di Trieste, Venezia e Ravenna. Il corridoio comprende ferrovie, strade, aeroporti, porti e terminali ferroviario-stradali (RRT). I progetti principali sono la galleria di base del Semmering e la linea ferroviaria del Koralm (Graz-Klagenfurt) in Austria.

Corridoio Scandinavo – Mediterraneo: si estende dal confine russo-finlandese e dai porti finlandesi di HaminaKotka, Helsinki e Turku-Naantali a Stoccolma,  attraverso “un’autostrada del mare”, e attraversa, con una sezione da Oslo, la Svezia meridionale, la Danimarca, la Germania (collegamenti con i porti di Brema, Amburgo e Rostock), l’Austria occidentale, l’Italia (collegamenti con i porti di La Spezia, Livorno, Ancona, Bari, Taranto, Napoli e Palermo) e raggiunge Malta. Il corridoio comprende ferrovie, strade, aeroporti, porti, terminali ferroviario-stradali (RRT) e sezioni di “autostrada del mare”. I progetti principali di questo corridoio sono il collegamento fisso del Fehmarn Belt e, per l’Italia, la galleria base del Brennero.

Corridoio Reno – Alpi: collega i porti del Mare del Nord di Anversa, Rotterdam e Amsterdam e il porto italiano di Genova attraversando la valle del Reno, Basilea e Milano.
Il corridoio comprende ferrovie, strade, aeroporti, porti, terminali ferroviario-stradali e il Reno come via navigabile interna.

Corridoio Mediterraneo: collega i porti di Algeciras, Cartagena, Valencia, Tarragona e Barcellona nella Penisola iberica, con l’Ungheria e il confine ucraino, passando per il sud della Francia, l’Italia settentrionale e la Slovenia, con una sezione in Croazia. Il corridoio comprende ferrovie, strade, aeroporti, porti e terminali ferroviario-stradali e, nell’Italia settentrionale, la via navigabile interna costituita dal fiume Po. I progetti principali del corridoio sono le linee ferroviarie a scartamento standard UIC in Spagna, la galleria ferroviaria Torino-Lione e il collegamento Trieste/Capodistria- Lubiana attraverso la regione carsica.

 Fonti: http://www.rfi.it/cms/v/index.jsp?vgnextoid=5c913e87c65ec410VgnVCM1000008916f90aRCRD&vgnextchannel=61fe3e87c65ec410VgnVCM1000008916f90aRCRD

  • Rispetto alla linea ferroviaria che già collega Torino alla Francia, il percorso progettato per la nuova linea si presenta più breve e pianeggiante. Ad oggi, la tratta attuale compie una curva verso Oulx, per poi risalire in direzione del traforo ferroviario del Frejus. Con la Tav, questa curva sarebbe “tagliata” da un tunnel a due canne, che passerebbe direttamente sotto il Moncenisio.In caso di realizzazione, questo traforo – noto come  “tunnel di base del Moncenisio” – diventerebbe uno dei tunnel ferroviari più lunghi al mondo, con i suoi 57,5 chilometri di lunghezza (45 in Francia e 12,5 in Italia). Fonti: https://pagellapolitica.it/blog/show/204/il-tunnel-di-base-della-tav-esiste-gi%C3%A0-o-no

Foto di repertorio da Internet

1
Feb

I giorni della merla

Questi giorni di fine gennaio ed inizio febbraio, caratterizzati da un diffuso clima rigido (qui a Milano sta nevicando … ma negli Stati Uniti d’America le temperature sono scese anche a meno cinquanta gradi), sono solitamente definiti “i giorni della merla” poiché – secondo un’antica leggenda popolare – una merla e i suoi piccoli, in origine neri come i maschi della stessa specie, per ripararsi dal gran freddo di fine gennaio  si rifugiarono dentro un comignolo dal quale emersero ai primi di febbraio tutti grigi a causa della fuliggine e da quel giorno tutti i merli femmina e i piccoli furono grigi.

Ma non è diminuita solo la temperatura.

L’Istat ha comunicato che nel quarto trimestre 2018 l’economia italiana ha registrato una contrazione dello 0,2%, e si tratta del secondo trimestre consecutivo di calo dopo il  meno 0,1% del periodo luglio-settembre. L’Italia è entrata dunque in “recessione tecnica” dopo cinque anni di tendenziale crescita, seppure intorno agli “zero virgola”.

E, così, come in tutti i “pollai” che si rispettano, le nostre fazioni politiche hanno cominciato a beccarsi vicendevolmente, ognuna attribuendo le colpe e le responsabilità all’altra, e quindi, come sempre, per quelli che governano è colpa di quelli che li hanno preceduti e viceversa.

Ciò nonostante, il vizietto, che accomuna indistintamente e da tempo immemorabile tutte le fazioni politiche, di promettere agli ignari cittadini mari e monti nell’imminenza di competizioni elettorali, continua in maniera imperterrita a condizionare le scelte di governo soprattutto in materia economico finanziaria.

Niente di più sbagliato!

I programmi politici devono essere impostati su progetti di largo respiro e nell’interesse generale di tutti i cittadini, in una logica di universalità che deve travalicare i confini nazionali, con riguardo soprattutto all’Europa, la nostra casa comune.

Si diceva un tempo che non si potevano fare le nozze coi fichi secchi e il detto diventa ancora più attuale oggi quando si proclama di eliminare – per legge – la povertà attraverso sostegni sociali diffusi senza possederne tuttavia i mezzi sufficienti. E non solo, ma con un debito pubblico stratosferico.

Si dirà, ma la contrazione che si registra in questi ultimi mesi  interessa anche altri stati europei e del mondo; è vero, ma in Italia siamo maggiormente a rischio, proprio perché abbiamo un sistema economico più fragile, dovuto soprattutto al debito pubblico elevato, in mano a creditori nazionali e esteri che detengono i titoli di stato, che maturano interessi,  e che vengono continuamente rinnovati attraverso nuove emissioni. Con l’aggravante che ad ogni perturbazione interna o internazionale del mercato lo spread  (differenziale rendimento azioni, obbligazioni, titoli di stato) si impenna e gli interessi passivi aumentano.

Va da sé che più stabile è l’equilibrio interno e maggiori sono le probabilità che gli investitori stranieri vengano attratti; in caso contrario la nazione viene isolata e si va verso una inesorabile debacle.

Foto di repertorio Internet

27
Dic

“Cambio giro”, il nuovo libro di Nazario D’Amato

La prossima domenica 30 dicembre 2018, alle ore 17,00 presso la Sala Polivalente Anziani di Corso Vittorio Veneto n. 50, a Poggio Imperiale (Foggia), Nazario D’Amato presenta il suo nuovo libro dal titolo “ Cambio Giro – Racconti di viaggio” (Edizioni del Poggio).

Ne parlano con l’autore la Dott.ssa Rossella Gravina e la Prof.ssa Antonietta Zangardi del Centro Studi Territoriale Simposio Culturale di Poggio Imperiale, con letture di Luigi Cristino del medesimo Centro Studi.

Interverrà il Dott. Giovanni Basile, Neurologo Ospedali Riuniti di Foggia

L’evento è patrocinato dal Comune di Poggio Imperiale, la Provincia di Reggio Emilia, l’Associazione Scrittori Reggiani di Reggio Emilia, l’Associazione Paese Mio di Poggio Imperiale.

Porgeranno i loro saluti il Sindaco di Poggio Imperiale Dott. Alfonso D’Aloiso e l’Editore Dott. Peppino Tozzi.

Tecnico agli impianti sonori Dino Vitale.

I proventi della vendita del libro saranno devoluti  ad ARISLA Fondazione Italiana di Ricerca  per la Sclerosi Laterale Amiotrofica  a sostegno della ricerca sulla SLA

 

Dove eravamo rimasti!

Il 21 agosto 2016 Nazario D’Amato, eclettico autore di libri e poesie, ma anche di musica e canzoni, che peraltro interpreta egregiamente accompagnandosi con la sua chitarra, presentava al pubblico il suo libro (di cui mi onoro di aver scritto la presentazione e la quarta di copertina) “Terra, racconto in storie e versi, dell’appartenenza”,  per i tipi delle Edizioni del Poggio:  un inno di lode al suo amato paese natìo, attraverso rappresentazioni diverse che si snodano nel tempo e nello spazio, con le sfumature dei suoi sentimenti più profondi che ne impreziosiscono lo scenario, mettendo particolarmente in risalto il paradigma dell’appartenenza, che per Nazario rappresenta il leitmotiv  ovvero il ritornello (visto che scrive anche canzoni) di quel suo lavoro.

Ora, a poco più di due anni di distanza, il nostro autore terranovese ritorna con la sua ultima fatica letteraria, un nuovo libro dal titolo“ Cambio Giro – Racconti di viaggio” (Edizioni del Poggio). Un titolo preso in prestito da un modo di dire  del personale viaggiante delle ferrovie, ove “giro” sta per “turno di servizio” e “cambio” per “modifica del turno” per motivi di diversa natura.

Ma in verità, si tratta solamente di un pretesto, poiché il vero, effettivo e definitivo “cambio giro” di Nazario D’Amato è avvenuto un anno fa, all’atto del suo pensionamento da Capotreno di Trenitalia del Gruppo Ferrovie Italiane. Un cambio giro importante che gli ha cambiato completamente la vita e che lui ha voluto immortalare in questo libro, raccontandoci storie, incontri, situazioni, avvenimenti vissuti in prima persona nel suo lungo peregrinare, in servizio sui tanti treni, toccando stazioni ferroviarie e località, in lungo e largo per l’Italia e soprattutto incontrando  tanta, tanta gente.

Ma non si tratta mai di racconti banali, ogni storia non è fine a se stessa, al contrario, l’osservazione dell’attimo in cui essa si consuma viene analizzata fin nei minimi dettagli e le considerazioni che ne conseguono mettono in risalto la profondità dell’animo dell’autore, che pone come fulcro della sua analisi l’universo dei valori umani, non solo riferiti all’etica ma anche al carattere e all’integrazione con gli altri, palesando così, ancora una volta e con malcelato orgoglio, il suo impegno sociale e cristiano, riprendendo altresì concetti a lui molto cari finalizzati alla tutela dell’ambiente (ed anche degli animali) e alla conseguente necessità di preservare la Natura dagli sconsiderati attacchi di qualunque genere dell’uomo, fra ricordi del passato che si intrecciano con episodi del presente, parlando di amicizia,  solidarietà e misericordia.

A volte il racconto sembra svilupparsi  tra il serio ed il faceto, ma solo apparentemente, proprio perché si tratta di storie normali, quelle di tutti i giorni, ma ecco l’acume di Nazario, il guizzo di sagacia, il barlume di perspicacia, il fiuto, l’intuizione … Cristo, Nostro Signore, lì tra gli ultimi, i diseredati, i perseguitati.

E il … Demonio … tra i finti buoni!

Complimenti Nazario per questo tuo ultimo lavoro, che ho letto (sebbene in pdf) tutto d’un fiato e che merita il dovuto successo, ed auguri per il tuo futuro da pensionato ricco di tante cose da fare, da continuare a fare o anche da iniziare a fare. Ad maiora!

Lorenzo

4
Dic

La cultura del cibo

Riporto, qui di seguito, la puntuale, approfondita e gradita recensione  al mio ultimo libro, scritta ed inviatami dall’amica Antonietta Zangardi, scrittrice, studiosa e ricercatrice interessata particolarmente alla storia di Poggio Imperiale, nonchè animatrice del  Centro Studi Territoriale Simposio  Culturale di Poggio Imperiale, che coordina insieme al marito Antonio Giacò.

Tra i suoi scritti più noti: Poggio Imperiale Anno 1759 Nuovi documenti sulle origini e sulla fondazione; Federico II, Terzo Vento di Soave e la silloge Sottovoce, parole e versi in libertà.

Il 12 ottobre 2018 si è tenuta a Poggio Imperiale, presso la Sala Moltifunzionale di via Oberdan, la Festa del Simposio per la presentazione del libro Attività Conferenze Eventi (dal 29 gennaio 2015 al 24 maggio 2018).

Il 18 novembre scorso Antonietta mi informava, via Whatsapp, che … << Leggendo il tuo libro ho trovato anche la notizia  del “capocanale” con la nota sull’avvocato Mario Fiore, scrittore e storico, nostro carissimo amico al quale l’altra sera , in occasione di un incontro  del Comitato per la salvaguardia dei ruderi di Fiorentino, ho donato il tuo libro … >>

Ed io le ho risposto che … << E’ sempre un piacere … ricevere conferme sul fatto che “cultura” significa anche “divulgazione” a tutti i livelli, pure su argomenti che potrebbero a prima vista apparire futili e scontati. >>

Buona lettura!

 

La cultura del cibo

di Antonietta Zangardi

Ho letto l’ultima pubblicazione di Lorenzo Bove, “Il Cibo in Terra di Capitanata e nel Gargano tra storia, popolo e territorio. Tarranòve, pane, pemmedore e arija bbòne”.

Nel leggere un libro sono sempre mossa dalla curiosità e il titolo è una premessa importante per inserirmi in quell’atmosfera magica che mi procura la lettura. Sono sempre attenta, innanzitutto, al rispetto di chi scrive e cerca di comunicare al lettore le sue conoscenze, frutto di studi e ricerche. Quando leggo, poi, mi capita di estraniarmi dal contesto reale in cui vivo e opero, per rilassarmi e per andare alla ricerca delle stesse emozioni e degli stessi sentimenti che chi scrive vuole donarmi, senza perdermi nelle ricerche spocchiose di coloro che vogliono individuare, a tutti i costi, refusi ed errori, nel testo.

Dopo questa essenziale premessa, andiamo al libro che ho letto con vero piacere. Conosco personalmente l’autore e so che ci mette passione, determinazione e professionalità in tutte le attività che intraprende.

Mangiare è un vero rito, che unisce in modo conviviale e reca gioia e condivisione. Approvo e rifletto con piacere sulle parole che l’autore scrive: “I profumi e gli odori del cibo che ci hanno pervaso … sono indelebilmente stampati nel nostro cervello e basta solo percepire lievi sentori per associare eventi, fatti, situazioni di un tempo lontano, che fanno parte ormai di sopite reminiscenze …”

Gli abitanti del nostro Poggio Imperiale o Tarranòve, porta della Puglia e del Gargano, montagna del sole, provenivano da paesi diversi, per cui portavano con loro le usanze, i riti, i cibi, le credenze originarie, in un insieme eterogeneo. Così costruirono un’identità condivisa e una convivenza di valori essenziali. Sappiamo bene e per certo che le diversità sono delle risorse da valorizzare in ogni contesto storico, quindi il nostro Poggio, proprio perché molto eterogeneo doveva e dovrebbe conservare i valori di tutti e allontanare, per quanto possibile, i molteplici difetti.

Lasciando il Poggio per motivi di lavoro, anche l’autore ha portato con sé, nel suo bagaglio naturale e culturale, tutti quei profumi e quei riti che hanno segnato la sua fanciullezza e parte della sua giovinezza.

L’autore ribadisce che, attraverso gli odori e i sapori dei cibi, si ritrovano, riposti e nascosti nella memoria, storie e momenti di vita vissuta, ricordi di persone che non ci sono più, la cui presenza ha segnato la nostra esistenza e avvenimenti lontani ormai persi, che il tempo onnivoro divorerebbe e annullerebbe se non fossero afferrati e  riportati alla luce. E questo è ciò che ha fatto Lorenzo nella sua pubblicazione.

Oltre a una certa acquolina, il libro mi ha comunicato sensazioni ed emozioni, voci e gesti che, mi hanno riportato sì, indietro nel tempo, ma hanno richiamato in me il presente che vivo giornalmente. Certe pietanze e certi cibi, infatti, io li preparo ancora, così come ho visto fare mia madre e come vedevo fare la mia nonna materna che, da buona contadina, prediligeva la genuinità dei cibi e la ricchezza di sapori. Penso alle “melanzane cu stuppele” alla “minestra di fave e cicoria”, ai “cicatelli con  rape e lice”, ai “maccheroni con ricotta”, o “al forno pasticciati”, agli “spaghetti con fagiolini e patate”, alla teglia al forno con “agnello, patate, torcinelli e lampasciule”, “i ndorcele” con sugo di braciole e così via, tutti piatti “forti” della mia cucina e che, leggendo il libro di Lorenzo, ho ritrovato con immenso piacere.

Bella l’idea di fotografare i cibi e riportarli a colori nel libro, trascriverne i termini dialettali con la traduzione in italiano.

Dopo la carrellata dei cibi terranovesi, l’autore intraprende un “viaggio virtuale” sui cibi, i riti e le sagre paesane del vicino Gargano e dei monti Dauni; scandaglia, presenta e descrive pietanze, effettuando una sapiente analogia con i nostri cibi.

Conclude il suo oneroso lavoro, riportando gli articoli sul “cibo”, pubblicati negli anni scorsi nel suo blog.

Capisco benissimo che c’è un grande impegno in questa pubblicazione. So, per certo, che, dietro questa immane fatica, c’è la moglie di Lorenzo, Elvira, legata ai ricordi del suo Poggio, che è stata costretta a lasciare per ricostruire la propria vita col lavoro.

Anch’io ho voluto fissare in questo scritto i momenti conviviali con le pietanze più succulenti (saprìte) e, nello stesso tempo, rendere omaggio a due amici della mia adolescenza che, quando sono partiti e hanno lasciato il Poggio, mi sono tanto mancati e con i quali ho sempre mantenuto uno stretto legame.

“Alla prossima ricerca, Lorenzo e Elvira, in nome della nostra antica e duratura amicizia!” (Uso gli stessi termini che l’autore ha scritto sulla copia del libro in mio possesso).

 

 

.

28
Nov

Il ricordo di un vecchio fornaio terranovese

E, così, anche Nicola, in questi giorni uggiosi di fine novembre ci ha lasciato.

L’ultimo fornaio terranovese verace, erede di una generazione di panificatori presenti a Poggio Imperiale da circa un secolo: Nicola Bonante, per tutti Necol’a Pastulle, per via del cognome della madre, Maria Bastulli, detta comunemente Mariapastulle, una donna d’altri tempi dal temperamento molto forte, la cui presenza nel panificio a volte quasi oscurava  quella del marito Angelo (Ijangelille), di indole mite e piuttosto bonaria.

Ed anche Nicola, il loro ultimogenito, aveva preso molto dalla madre, con il suo carattere apparentemente scostante, forse anche a causa della particolare tipologia di attività svolta (intere e lunghe nottate trascorse a preparare pagnotte di pane pugliese), senza sosta, in tutte le stagioni, d’inverno e d’estate, concedendosi solamente qualche mattinata della domenica al mare, durante la stagione estiva, per dedicarsi al suo svago preferito: la raccolta delle cozze, che amava gustare (crude, al naturale, con una spruzzatina di limone) direttamente sul posto, sugli scogli delle Pietre Nere di Marina di Lesina, con del pane e qualche bicchiere di vino (rosso), portati appositamente da casa, dispensando il resto del pescato ad amici e conoscenti. Amava la buona compagnia, nutriva la passione per la caccia e non disdegnava l’amore per l’orticello e la campagna. Ma amava soprattutto Giovanna, sua moglie e compagna di una vita, alla quale ci stringiamo in questo momento di dolore.

Conoscevo Nicola da sempre, per via del fatto che il suo “Forno da Nicola” (e prima ancora quello dei suoi genitori), in via De Cicco, era ubicato quasi di fronte alla casa dei miei genitori, e le nostre rispettive famiglie hanno sempre mantenuto un cordiale rapporto di buon vicinato.

E con un velo di rimpianto devo ora prendere atto che, con la sua inaspettata dipartita, l’amico Nicola porta via con sé anche un frammento dei ricordi della mia vita trascorsa a Poggio Imperiale.

La scorsa estate, in una calda mattinata di luglio, nel corso della nostra consueta chiacchierata al mare, sugli scogli di Punta Pietre Nere, gli ho accennato che  la sera del 4 agosto si sarebbe tenuta a Poggio Imperiale una manifestazione culturale pubblica per la presentazione del mio ultimo libro “Il cibo in terra di Capitanata e nel Gargano, tra storia, popolo e territorio – Tarranòve, pane e pemmedòre e arija bbòne” e che, per l’occasione, mi sarebbe piaciuta la sua presenza per un fattivo apporto di testimonianza, quale vecchio fornaio terranovese, facendo rivivere le usanze di un tempo, quando il Forno  rappresentava un punto di riferimento nevralgico per la popolazione.

Nicola Bonante, secondo da destra, durante l’intervento di Alfonso Chiaromonte

E abbiamo così provato a ripercorrere insieme, sulla base dei reciproci ricordi, quella consuetudine dei Tarnuìse  “de purtà u rote a u furne”, che  consisteva nel portare per la cottura al forno del paese la teglia preparata a casa propria, analogamente a quanto si faceva già per il pane e per le pizze con il pomodoro o con la cipolla. Al forno si portavano i “rote” di patate con agnello e lampascioni; di patate e torcinelli, salsiccia e salsiccia di fegato; di melanzane al forno; ma si portavano anche i poccellati, poperati, taralli, tarallucci, biscotti e “panettèlle” di San Biagio. Per ogni teglia infornata si pagava “‘a ’mburnatura” (l’infornatura) e, per evitare disguidi, ognuno aggiungeva nel proprio “rote” un segno di riconoscimento, che comunque non sempre bastava  per impedire scambi involontari, ma a volte anche provocati volutamente.

Qualche giorno dopo, superate le prime inevitabili titubanze, Nicola mi confermò  la sua partecipazione alla presentazione del libro.

E, quella sera, nei giardinetti di via Attilio Lombardi, appositamente allestititi per l’occasione, Nicola ha intrattenuto il pubblico con il racconto di alcuni divertenti aneddoti tratti dalla propria esperienza di vita vissuta nel Forno, già ai tempi dei suoi genitori, facendo varcare con la mente, ai convenuti, i limiti del tempo, con un appassionato salto a ritroso nel passato del borgo di Poggio Imperiale.

I calorosi applausi e il livello di coinvolgimento dei terranovesi presenti hanno attestato il piacevole grado di apprezzamento delle sue interessanti testimonianze.

Grazie Nicola!

Ed è così, semplicemente così che ti vogliamo ricordare.

Foto di repertorio della serata

4
Nov

Centenario della Grande Guerra

Oggi, 4 novembre 2018, a cento anni dalla fine del primo conflitto mondiale, il Presidente della Repubblica Italiana si è recato all’Altare della Patria, a Redipuglia e poi a Trieste.

Il Presidente Sergio Mattarella è tornato a richiamare le ragioni dell’integrazione europea, parlando di rispetto dei diritti umani e delle minoranze: “Bisogna ribadire con forza tutti insieme che alla strada della guerra si preferisce coltivare amicizia e collaborazione, che hanno trovato la più alta espressione nella storica scelta di condividere il futuro nella Unione europea … Lo scoppio della guerra nel 1914 sancì in misura fallimentare l’incapacità delle classi dirigenti europee di allora di comporre aspirazioni e interessi in modo pacifico anziché cedere alle lusinghe di un nazionalismo aggressivo”.
Un richiamo alle ragioni dell’Europa, che ricorre frequentemente nei discorsi del Presidente, in questo periodo caratterizzato da forti spinte di nazionalismo e  sovranismo.

Altro passaggio del discorso di Mattarella è stato dedicato ai diritti umani e alle minoranze: “La Costituzione Italiana, nata dalla Resistenza, ripudia la guerra come strumento di risoluzione delle controversie; privilegia la pace, la collaborazione internazionale, il rispetto dei diritti umani e delle minoranze”.

In mattinata il Presidente – prima di recarsi a Redipuglia e Trieste – aveva reso omaggio al Milite Ignoto all’Altare della Patria, a Roma, deponendo una corona d’alloro e aprendo la giornata di celebrazioni per la Festa delle Forze Armate che quest’anno coincide con il centenario dell’armistizio con gli austriaci che ha messo fine alla Grande Guerra.

L’estate del 1914 segnò l’inizio della prima guerra mondiale, il  più grande conflitto mai visto, una carneficina che coinvolse quasi tutti i continenti, gran parte delle nazioni e dei loro abitanti, cambiandone per sempre il destino. Tante e tali sono state le novità, le implicazioni, le conseguenze di quel conflitto conclusosi nell’autunno 1918 che solo ad un secolo di distanza il mondo sembra uscire dai solchi che produsse.

Quando furono firmati gli armistizi tra i belligeranti, le vittime si contavano a  milioni, mentre i sopravvissuti dovettero adattarsi ad un mondo nuovo e fortemente instabile. Crimini e orrori in vasta scala, armi nuove e micidiali, indifferenza per le spaventose perdite militari e civili hanno accomunato quasi tutti i numerosi fronti aperti.

L’italia entrò in guerra nel 1915, il 24 maggio: paese povero e impreparato, si trovò presto in trincea per difendere il proprio territorio.

La disfatta di Caporetto nell’ottobre 1917 fu il momento più difficile, ma la resistenza sulla linea del Piave consentì la riscossa fino alla resa degli austriaci a Vittorio Veneto il 4 novembre. L’entusiasmo per la vittoria durò poco, poichè molti erano stati i sacrifici imposti al Paese; un mondo era finito,e la nuova era si presentava assai fosca.

La prima guerra mondiale  coinvolse le principali potenze mondiali e molte di quelle minori tra il luglio del 1914 e il novembre del 1918. Chiamata inizialmente dai contemporanei “guerra europea”, con il coinvolgimento successivo delle colonie dell’Impero Britannico e di altri paesi extraeuropei, tra cui gli Stati Uniti d’America e l’Impero Giapponese, prese il nome di Guerra Mondiale o anche Grande Guerra: fu infatti il più grande conflitto armato mai combattuto fino alla seconda guerra mondiale.

Il conflitto ebbe inizio il 28 luglio 1914 con la dichiarazione di guerra dell’Impero Austro-Ungarico al Regno di Serbia in seguito all’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando d’Asburgo-Este, avvenuto il 28 giugno 1914 a Sarajevo. A causa del gioco di alleanze formatesi negli ultimi decenni del XIX secolo, la guerra vide schierarsi le maggiori potenze mondiali, e rispettive colonie, in due blocchi contrapposti: da una parte gli Imperi centrali (Germania, Impero Austro-Ungarico e Impero Ottomano), dall’altra gli Alleati rappresentati principalmente da Francia, Regno Unito, Impero Russo e, dal 1915,  dall’Italia.

Oltre 70 milioni di uomini furono mobilitati in tutto il mondo (60 milioni solo in Europa) di cui oltre 9 milioni caddero sui campi di battaglia; si dovettero registrare anche circa 7 milioni di vittime civili, non solo per i diretti effetti delle operazioni di guerra ma anche per le conseguenti carestie ed epidemie.

Foto di repertorio da Internet: le frecce tricolore sfrecciano sull’Altare della Patria

31
Ott

Festa Fogliante 2018

 

Si è tenuta a Firenze lo scorso sabato 27 ottobre l’annuale “Festa Fogliante” indetta dal giornale “Il Foglio” (fondato da Giuliano Ferrara) diretto da Claudio Cerasa.

La manifestazione si è svolta nel prestigioso Salone dei Cinquecento presso il “Palazzo Vecchio” in Piazza della Signoria, all’insegna dell’ottimismo, proprio come prometteva il tema della convention: “Giornata dell’Ottimismo”.

Nomi prestigiosi della politica italiana, dell’economia, della giustizia, del sindacato e del giornalismo si sono avvicendati sul palco, per esprimere le loro opinioni sul delicato e particolare momento che la nostra cara Italia sta attraversando,  fra dibattiti ed interviste caratterizzati da un clima di diffusa, seppur prudente, fiducia verso il futuro.

Anch’io ho voluto partecipare, con mia moglie, all’evento, dal quale abbiamo potuto trarre alcune considerazioni.

I principi fondamentali che sorreggono l’impianto della nostra Democrazia Parlamentare sono abbastanza saldi e tali da poter sostenere l’onda d’urto del “populismo” e del “sovranismo” che hanno preso corpo anche nel nostro Paese, senza tuttavia trascurarne o sottovalutarne i rischi potenziali.

Sicuramente l’istigazione a forme più o meno latenti di razzismo, di divisione fra classi sociali e in generale di “caccia alle streghe”, non facilitano la ricomposizione di accettabili condizioni per un sereno dibattito nell’interesse generale dei cittadini, dell’Italia e dell’Europa.

L’occasione delle prossime elezioni europee della primavera 2019 potrebbe rappresentare davvero la chiave di volta per una scelta di  indirizzo europeistico significativo, rispetto all’euroscetticismo dilagante.

C’è bisogno di un’Europa forte, unita e con un’economia salda per affrontare le sfide mondiali che diventano sempre più ardue.

Ricerca:
Archivio
© Copyright 2010-2019 PagineDiPoggio.com. All rights reserved. Created by Dream-Theme — premium wordpress themes. Proudly powered by WordPress.